Please use this identifier to cite or link to this item: https://hdl.handle.net/1889/831
Full metadata record
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorManini, Paola-
dc.contributor.authorAndreoli, Roberta-
dc.date.accessioned2008-06-04T13:55:09Z-
dc.date.available2008-06-04T13:55:09Z-
dc.date.issued2008-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/1889/831-
dc.description.abstractLa diminuzione dei livelli di esposizione negli ambienti di lavoro e l’aumento degli inquinanti urbani hanno reso sempre più complessa la caratterizzazione dell’esposizione, evidenziando la necessità di sviluppare nuovi indicatori di esposizione e di effetto sufficientemente sensibili per distinguere le due condizioni. La cromatografia liquida accoppiata alla spettrometria di massa ha permesso di: (i) individuare nuovi indicatori di esposizione, in grado di quantificare l’esposizione ad inquinanti presenti in tracce nell’ambiente di vita o di lavoro, garantendo l’affidabilità e la precisione della misura analitica; (ii) approfondire le conoscenze sugli indicatori di effetto e sui meccanismi che ne regolano le alterazioni in soggetti esposti a basse dosi di inquinanti ambientali ed occupazionali; (iii) contribuire alla validazione di una nuova matrice, il condensato dell’aria espirata, per il monitoraggio biologico di indicatori di esposizione e di effetto per sostanze pneumotossiche, il cui interesse principale è condizionato dall’importanza del polmone come organo bersaglio degli inquinanti aerodispersi.it
dc.description.abstractExposure levels at the workplace are continuously decreasing while the concentration of environmental pollutants shows an opposite increasing trend, thus making the exposure characterization a complex issue. For this reason, it is necessary to develop novel exposure and effect biomarkers capable to distinguish between the two different conditions. Liquid chromatography tandem mass spectrometry allowed: (i) to develop new exposure biomarkers for human biological monitoring in living and working environments with adequate reliability and satisfying precision even at the trace level; (ii) to widen the knowledge of effect biomarkers and to study mechanisms that cause their modifications in subjects exposed to low levels of environmental and occupational xenobiotics; (iii) to contribute to the validation of a new biological matrix, the exhaled breath condensate, arising from the lungs and useful for the biological monitoring of exposure and effect of pneumotoxic substances.it
dc.language.isoItalianoit
dc.publisherUniversità degli Studi di Parma, Dipartimento di Clinica Medica, Nefrologia e Scienze della Prevenzioneit
dc.relation.ispartofseriesDottorato di ricerca in Scienze della prevenzioneit
dc.rights© Roberta Andreoli, 2008it
dc.subjectLiquid chromatography-mass spectrometryit
dc.subjectNew biomarkers of exposureit
dc.subjectNew biomarkers of effectsit
dc.subjectExhaled breath condensateit
dc.titleMonitoraggio biologico dell'esposizione ad inquinanti aerodispersi nei luoghi di vita e di lavoro: sviluppo di nuovi indicatori in cromatografia liquida accoppiata alla spettrometria di massait
dc.title.alternativeBiological monitoring of exposure to air pollutants in living and working places: development of new biomarkers by liquid chromatography-mass spectrometryit
dc.typeDoctoral thesisit
dc.subject.miurMED/44it
dc.description.fulltextopenen
Appears in Collections:Medicina clinica e sperimentale, Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Tesi Andreoli 2008.pdftesi Andreoli2.2 MBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.