Please use this identifier to cite or link to this item: https://hdl.handle.net/1889/4411
Full metadata record
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorGaruti, Giulio-
dc.contributor.authorTrabace, Cesare-
dc.date.accessioned2021-06-09T13:41:08Z-
dc.date.available2021-06-09T13:41:08Z-
dc.date.issued2021-
dc.identifier.urihttps://hdl.handle.net/1889/4411-
dc.description.abstractAnimata dalla volontà di decongestionare il carico giudiziario, la l. 23 giugno 2017, n. 103 (c.d. Riforma Orlando) ha introdotto l’art. 162 ter c.p., recante una generale causa di estinzione del reato per condotte riparatorie, della quale può beneficiare l’imputato che, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di prime cure, abbia risarcito il danno cagionato e neutralizzato gli effetti negativi della propria attività illecita. Il presente lavoro intende riflettere, da un lato, sulle reali potenzialità deflative dell’istituto e, dall’altro, sulla possibilità di ascrivere lo stesso al paradigma della restorative justice, rispetto alla quale esiste una indubbia assonanza terminologica. Diversamente da quanto avvenuto in occasione dell’introduzione vuoi della sospensione del procedimento con messa alla prova vuoi della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto, il legislatore non ha abbinato all’istituto una disciplina processuale, suscitando non poche criticità applicative. L’elaborato tenta allora di ricostruire le scansioni procedurali del nuovo meccanismo a efficacia estintiva, prendendo le mosse dagli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali sorti a proposito dell’art. 35 d.lgs. 28 agosto 2000, n. 274, il quale rappresenta l’antecedente storico dell’art. 162 ter c.p. Da ultimo, viene preso in considerazione il micro-sistema di cui al d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, che offre alla persona giuridica svariate occasioni per porre in essere un contegno virtuoso post factum, garantendogli, come contropartita, un sollievo sanzionatorio o cautelare. Tale tratto caratterizzante ha indotto altresì a riflettere sull’opportunità che le occasioni di ravvedimento già previste dal rito de societate sortiscano il più allettante effetto della estinzione del reato, sul modello di quanto ormai avviene nel procedimento ordinario.en_US
dc.language.isoItalianoen_US
dc.publisherUniversità degli Studi di Parma. Dipartimento di Giurisprudenza, studi politici e internazionalien_US
dc.relation.ispartofseriesDottorato di ricerca in Scienze giuridicheen_US
dc.rights© Cesare Trabace, 2021en_US
dc.rightsAttribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 Internazionaleen_US
dc.rights.urihttp://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/*
dc.subjectCondotte riparatorie; Estinzione del reato; Deflazione; Restorative Justice; Riforma Orlando; Processo penale.en_US
dc.titleLe condotte riparatorie nel processo penale: tra deflazione e restorative justiceen_US
dc.typeDoctoral thesisen_US
dc.subject.miurIUS/16en_US
Appears in Collections:Giurisprudenza. Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
CESARE TRABACE - Le condotte riparatorie nel processo penale.pdf
  Until 2023-06-01
1.42 MBAdobe PDFView/Open Request a copy
CESARE TRABACE - Relazione triennale.pdf
  Restricted Access
177.05 kBAdobe PDFView/Open Request a copy


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons