Please use this identifier to cite or link to this item: https://hdl.handle.net/1889/3705
Title: Le funzioni esecutive e la competenza emotiva nell'età scolare : il ruolo dell'ambiente socio-culturale e della famiglia
Other Titles: Executive functions and emotional competence in school age : the role of socio-cultural environment and family
Authors: Fonticoli, Valentina
Issue Date: Nov-2018
Publisher: Università di Parma. Dipartimento di Medicina e Chirurgia
Document Type: Bachelor thesis
Abstract: Le Funzioni Esecutive (FE) sono definite come processi cognitivi di ordine superiore, principalmente regolamentate dai lobi frontali, che sostengono la flessibilità, il raggiungimento degli obiettivi delle azioni e le risposte adattive a situazioni nuove o complesse. Tra le FE troviamo: memoria di lavoro, flessibilità cognitiva e inibizione nonché per altri autori anche la pianificazione, il controllo degli impulsi e le azioni di monitoraggio. Le FE, che sono fondamentali per il ragionamento, per la risoluzione di problemi e per la pianificazione di qualsiasi attività. Con l’espressione competenza emotiva, Carolyne Saarni si riferisce alla capacità di comprendere le proprie e altrui emozioni, di regolarle o controllarle e di utilizzarle al meglio nei processi cognitivi e negli scambi sociali. La letteratura suggerisce un ruolo fondamentale delle Funzioni Esecutive nei bambini per lo sviluppo socio-emozionale. Inoltre le FE, così come la competenza emotiva, sono anche il “risultato” dell’influenza della famiglia e del contesto socio-culturale ed economico. L’obiettivo della ricerca è stato quello di indagare se il diverso status socio-economico potesse comportare differenze nelle prestazioni relative a compiti tesi a valutare le Funzioni Esecutive e la competenza emotiva. Lo studio ha coinvolto 86 bambini, che frequentavano o un laboratorio compiti (28) o la scuola primaria (58), ai quali sono stati somministrati vari test idonei a valutare le due “abilità” indagate da questa ricerca. La ricerca ha confermato, in parte, ciò che la letteratura ha evidenziato ovvero una differenza significativa tra i due gruppi di partecipanti per quanto riguarda il “Digit Span” ( avanti e indietro), il test di “Brixton”, il “Test sulla comprensione delle emozioni” e una differenza nei punteggi ottenuti ad alcuni variabili valutate dal “Test Pianificazione Quotidiana”.
Appears in Collections:Psicobiologia e Neuroscienze Cognitive, Tesi di laurea magistrale

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
TESI FONTICOLI.pdf
  Until 2101-01-01
961.45 kBAdobe PDFView/Open Request a copy


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.