Please use this identifier to cite or link to this item: https://hdl.handle.net/1889/3675
Full metadata record
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorArdissino, Diego-
dc.contributor.authorManzalini, Chiara-
dc.date.accessioned2018-10-31T12:19:59Z-
dc.date.available2018-10-31T12:19:59Z-
dc.date.issued2018-10-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/1889/3675-
dc.description.abstractIl colesterolo LDL è riconosciuto tra i più importanti fattori di rischio dell’infarto miocardico, i cui livelli plasmatici sono parimenti influenzati da fattori di rischio ambientali e genetici. Sebbene siano diverse le varianti genetiche comuni individuate che risultano influenzare i valori di colesterolo LDL ed essere associate al rischio di infarto miocardico, queste hanno in realtà un effetto modesto sul rischio nel singolo individuo. Tali polimorfismi genetici, infatti, sono stati identificati mediante studi GWAS, i quali permettono l’identificazione di polimorfismi con una frequenza maggiore al 5% e fortemente associati alla patologia in studio ma che non necessariamente ne rappresentano la causa. Dunque, resta ancora una quota di ereditarietà non spiegata, definita “missing heritability”, derivante da mutazioni strutturali o varianti genetiche più rare, con una frequenza allelica <5%, ma dotate di un maggiore effetto fenotipico. Sebbene gli studi di famiglia abbiano permesso l’individuazione di alcune varianti genetiche rare significativamente associate ad un aumento o una riduzione dei livelli plasmatici di colesterolo LDL, solo grazie a sistemi di sequenziamento di nuova generazione (exome sequencing) sarà possibile identificarle e studiarle in modo completo, in quanto grazie a questi sistemi è possibile sequenziare direttamente l’intero genoma o le singole regioni di interesse. Allo scopo di raggiungere questo obiettivo, è stata analizzata mediante analisi exome sequencing la presenza di varianti genetiche con una frequenza < 1% in una popolazione estremamente preziosa dal punto di vista genetico: 4016 soggetti, di cui 2008 individui sani e 2008 pazienti con infarto miocardico giovanile, nei quali è probabile che l’eziopatogenesi della malattia abbia prevalentemente una componente genetica. Infatti, minore è l’età alla quale si manifesta la cardiopatia ischemica, maggiore è la possibile influenza genetica sulla patologia e, di conseguenza minore sarà l’influenza dei fattori ambientali. In particolare questo studio si pone l’obiettivo di valutare l’associazione di varianti genetiche rare, che predispongono a ipercolesterolemia o ipocolesterolemia, con il rischio di infarto miocardico acuto e il fenotipo intermedio della malattia, ovvero i livelli plasmatici di colesterolo LDL e il burden aterosclerotico coronarico.it
dc.language.isoItalianoit
dc.publisherUniversità degli studi di Parma. Dipartimento di Medicina e chirurgiait
dc.relation.ispartofseriesMedicina molecolareit
dc.rights© Chiara Manzalini, 2018it
dc.titleInfarto miocardico giovanile e varianti esomiche che influenzano i livelli plasmatici di colesteroloit
dc.typeDoctoral thesisit
dc.subject.miurMedicina Molecolareit
Appears in Collections:Medicina molecolare, tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
CHIARA MANZALINI_17SETTEMBRE2018.pdf1.13 MBAdobe PDFView/Open
Chiara Manzalini_relazione attività svolte.pdf
  Until 2100-01-01
201.3 kBAdobe PDFView/Open Request a copy


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.