Si prega di utilizzare questo identifier per indicare o collegarsi a questo documento: https://hdl.handle.net/1889/2885
Titolo: La dispositio informale della “Soft Machine” / The informal dispositio of the “Soft Machine”
Autori: Mical, Thomas
data di pubblicazione: apr-2015
Editore: Festival Architettura Edizioni
Tipo di documento: Article
Abstract: Questo saggio affronta i termini concettuali e le conseguenze di una forma “soft” di dispositio vitruviana come possibilità attuale della relazione tra architettura e città. La tendenza verso il “morbido” e l'informale nell'architettura e nel progetto urbano genera nuove modulazioni concettuali del tessuto urbano. I processi sociali di assemblage di componenti corrispondono oggi ad un avanzamento, in cui una dispositio “soft” ordina le mutevoli fasi/spazi della vita urbana e sostituisce la precedente logica modernista astratta delle macchine, dello spazio striato e del determinismo funzionale. This essay examines conceptual details and consequences of a soft form of Vitruvian “dispositio” as lattice in the contemporary architecture-urban interface. Today the tendency towards the soft and informal in architecture and urban design creates new inflection points in the conceptualization of the urban fabric. The social processes of assemblage of components today are processural improvements, a soft “dispositio” in the shifting phase-spaces of urban life replacing the prior modern abstract spatial logic of machines, striated space, and functional determinism.
Compare nelle collezioni:FAmagazine 32 2015.
La città ordinata. Dispositio e Forma Urbis / The orderly city. Dispositio and forma urbis


Oggetti digitali di questo documento:
File Descrizione DimensioniFormat 
FAM 32 2015 - Mical.pdfPeer reviewed article932.58 kBAdobe PDFVisualizza/Apri


Questo documento è concesso in licenza ai sensi di un Creative Commons License Creative Commons