Please use this identifier to cite or link to this item: https://hdl.handle.net/1889/2793
Full metadata record
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorMartelli, Paolo-
dc.contributor.authorBenetti, Michele-
dc.date.accessioned2015-07-03T13:53:47Z-
dc.date.available2015-07-03T13:53:47Z-
dc.date.issued2015-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/1889/2793-
dc.description.abstractLo studio si propone di valutare la protezione clinica, la viremia e la risposta immunitaria (umorale e cellulare) in corso di vaccinazione verso PCV-2 in suinetti provenienti da scrofe vaccinate e a loro volta vaccinati ad età diverse, 4, 6 e 8 settimane di vita. Lo studio è stato condotto su tre cicli produttivi successivi (repliche). Inizialmente sono state selezionate 46 scrofette vaccinate alla prima inseminazione. Dopo il primo, secondo e terzo parto, sono state nuovamente vaccinate all’inseminazione e sottoposte a prelievi ematici . I suinetti corrispondenti ad ogni parto (primo, secondo e terzo) sono stati suddivisi in modo casuale in 3 gruppi (100 animali/gruppo) in base alla tempistica prevista per la vaccinazione: 4, 6 e 8 settimane di età. Un quarto gruppo è stato inserito nella prova come controllo non vaccinato. I suinetti sono stati vaccinati per via intramuscolare con una dose (2 ml) di un vaccino commerciale a subunità contenente la proteina capsidica (Cap) di PCV- 2 (Porcilis® PCV). Su venti animali per gruppo sono stati eseguiti prelievi ematici ogni 4 settimane dallo svezzamento alla macellazione allo scopo di valutare la eventuale viremia verso PRRS e PCV-2, la immunità umorale e cellulo-mediata. Sono stati registrati i segni clinici ed i trattamenti individuali (morbilità), la mortalità e il peso corporeo. Nella prima e seconda replica, non sono stati rilevati segni di PCVD. Tutti i protocolli di vaccinazione (4, 6 e 8 settimane di età) sono stati in grado di indurre titoli anticorpali e immunità cellulo-mediata. Nella terza replica, l'infezione naturale si è verificata a 16 settimane ed il 100% dei suini controllo ha mostrato una carica virale nel sangue anche superiore a 106 copie di DNA di PCV2 per ml in associazione a segni clinici di PCVD. Tutti gli animali vaccinati sono stati invece protetti e solo pochi sono risultati viremici. La protezione clinica migliore, sostenuta da una più robusta risposta immunitaria è stata osservata nei suini vaccinati a 6 settimane di età. Nel complesso, ripetute vaccinazioni verso PCV-2 nelle scrofe in riproduzione e i successivi livelli anticorpali materni elevati che ne conseguono, non hanno interferito in modo significativo con l'induzione dell’immunità sia umorale che cellulo-mediata nei loro suinetti dopo la vaccinazione. Inoltre, lo studio dimostra che l'efficacia della vaccinazione nei suinetti viene conservata anche con la somministrazione del vaccino successivamente alle 3-4 settimane di età, e che, in particolare, la vaccinazione a 6 settimane di età potrebbe essere applicata con benefici clinici anche per soddisfare le pratiche di gestione.it
dc.language.isoItalianoit
dc.publisherUniversità di Parma. Dipartimento di Scienze Medico Veterinarieit
dc.relation.ispartofseriesDottorato di Ricerca in Scienze Medico Veterinarieit
dc.rights@Michele Benetti, 2015it
dc.subjectPCV2 in pigsit
dc.subjectImmunologyit
dc.subjectImmune responseit
dc.titleValutazione della risposta immunitaria verso la vaccinazione per PCV2 nel maialeit
dc.title.alternativeEvaluation of immune response to vaccination for PCV2 in pigsit
dc.typeDoctoral thesisit
dc.subject.miurVET/08it
Appears in Collections:Scienze medico-veterinarie, Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
TESI BENETTI PDF.pdf5.38 MBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.