Please use this identifier to cite or link to this item: https://hdl.handle.net/1889/1641
Full metadata record
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorMerisio, Carla-
dc.contributor.authorBerretta, Roberto-
dc.date.accessioned2011-07-25T16:04:38Z-
dc.date.available2011-07-25T16:04:38Z-
dc.date.issued2011-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/1889/1641-
dc.description.abstractIntroduzione Il carcinoma endometriale è la più comune neoplasia invasiva ginecologica, con una incidenza di circa 33000 nuovi casi/anno e una prevalenza in costante aumento. L’analisi genetica delle neoplasie volta all’identificazione dei geni implicati nello sviluppo, crescita e aggressività dei tumori sta suscitando ormai da anni l’interesse dei ricercatori per le possibilità di trattamenti mirati di alta efficacia e basso profilo di tossicità. In questo senso il presente studio è stato disegnato al fine di valutare l’espressione della proteina fosfatasi SPH1nel carcinoma endometriale di Tipo I e II. Materiali e metodi Lo studio ha preso in considerazione 66 pazienti con diagnosi istologica di adenocarcinoma dell’endometrio dal 1998 al 2007. Le reazioni immunoistochimiche sono state eseguite impiegando la tecnica dell’immunoperossidasi. Le sezioni di tessuto sono state incubate con l’anticorpo monoclonale primario SHP1 previo smascheramento antigenico mediante bagno termostatato a 98° C per 30 minuti con tampone EDTA a Ph9. Il software statistico utilizzato è stato SPSS 11.0. (SPSS Inc., Chicago, IL). Risultati La correlazione tra SHP1 - l’istotipo e stadio FIGO non ha evidenziato valori statisticamente significativi, mentre tra SHP1 e Grading l’analisi è risultata significativa p<0.5. La correlazione tra recidiva/ morte ed espressione di SHP1 pur risultando inversamente proporzionale non raggiunge il valori di significatività. Discussione Dai nostri dati, per ora preliminari in quanto eseguiti solo sul 50% del campione disponibile, è emerso che l’espressione di SHP-1 non è correlata significativamente né con l’istotipo né con lo stadio FIGO. L’analisi sui dati di sopravvivenza e recidiva non hanno mostrato correlazione con SHP-1.E’ invece risultata statisticamente significativa l’associazione SHP-1 e Grading. Riteniamo che il presente studio nonostante i primi dati parziali non incoraggianti possa, una volta conclusa l’analisi di tutti i casi selezionati, portare alla luce un risultati significativi.it
dc.language.isoItalianoit
dc.publisherUniversità degli Studi di Parma. Dipartimento di Scienze Ginecologiche-Ostetriche e di Neonatologiait
dc.relation.ispartofseriesDottorato di ricerca in Scienze ostetriche e ginecologicheit
dc.rights© Roberto Berretta, 2011it
dc.subjectEndometrial cancerit
dc.subjectSHP1it
dc.titleImmunoistochimica della tirosin fosfatasi SHP1 nell'adenocarcinoma endometriale. Dati preliminari.it
dc.typeDoctoral thesisit
dc.subject.miurMED/40it
dc.description.fulltextopenen
Appears in Collections:Scienze ginecologiche, Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
tesi def.pdftesi definitiva78.07 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.